Un aspetto che le persone tendono a sottovalutare è l'attenzione da riporre nella preparazione dei cibi nella cucina senza glutine. Per i professionisti del settore vigono specifiche norme di legge, ma a casa siete sicuri di stare veramente attenti?

Scopri il nostro Vasto Assotrimento di Prodotti senza Glutine!

Le norme nella cucina senza glutine

►L'etichettatura

Esempio di una tabella nutrizionale - alimenti senza glutine - Negozio senza glutine milano lombardia Innanzitutto i prodotti devono essere facilmente riconoscibili. L'etichetta deve contenere:

  • La "Spiga barrata". Non è obbligatoria in quanto marchio di proprietà dell'Associazione Italiana Celiachia. Tuttavia è sinonimo di ferrei controlli che ne certificano la totale sicurezza. Vedi la pagina dedicata.

  • L'indicazione "senza glutine" per i prodotti che rispettino il limite di 20 ppm (sotto le 20 parti per milione di glutine).

  • La dichiarazione di eventuali allergeni presenti negli ingredienti (D.M. 8 Febbraio 2006, n.114)

  • La denominazione esatta del prodotto.

  • Gli ingredienti che lo compongono.

  • Il nome del produttore, la sede dello stabilimento di produzione o confezionamento.

  • La data di scadenza e le norme di conservazione.

  • Attenzione anche ai valori nutrizionali.

 

Le raccomandazioni

►A casa

Cucina senza glutine a casa - negozio senza glutine - milano lombardia

Non sempre è possibile dotarsi di strumenti dedicati, vuoi per lo spazio, il costo...  È bene dunque dotarsi di qualche accorgimento per vivere in serenità e approcciarsi alla cucina gluten free divertendosi.

  • La cottura: è possibile utilizzare lo stesso forno, separando però i cibi con e senza glutine. Un consiglio è cuocere sul ripiano alto del forno quello senza glutine in modo da evitare eventuali contaminazioni con i residui.

  • Dare precedenza alla preparazione dei cibi gluten free, altrimenti utilizzare guanti in lattice per trattare uno dei due.

  • Lavare bene le stoviglie, le posate e tutti gli utensili di qualsiasi materiale siano essi costituiti (compreso il legno) con l'accortezza di non lasciare residui. Stesso discorso per le spugne atte alla pulizia. Il massimo sarebbe di avere tutto doppio!.

►Al ristorante

Anche gli esercenti che propongono la ristorazione senza glutine devono tener conto delle materie prime impiegate e del loro stoccaggio, delle procedure di pulizia della cucina e soprattutto di alcuni accorgimenti nella preparazione dei pasti:

  • Materie prime: devono essere alimenti senza glutine o "permessi".

  • Trasporto: deve avvenire in contenitori separati per evitare la contaminazione con alimenti con glutine.

  • Stoccaggio: devono essere previsti scaffali identificati dedicati.

  • La produzione e lavorazione degli alimenti deve avvenire su superfici ad uso esclusivo, con macchinari e utensili ben puliti (meglio se riservati). Non cuocere in contemporanea alimenti gluten free a quelli con glutine".

  • L'acqua di cottura e l'olio per fritto non possono essere gli stessi degli alimenti non gluten free.

  • Indossare divise pulite e lavarsi le mani prima della preparazione.

Insomma, basta prestare un po' di attenzione e usare qualche accorgimento per vivere in tranquillità il piacere di cucinare.

Leggi anche l'articolo: Celiachia, è boom. Ristoranti e alberghi, attenzione agli obblighi!

negozio senza glutine milano lomardia

Home | Blog | Pane | Pasta | Biscotti | Farine | Pizza | Contatti